Il tuo salone

TROVA UN SALONE

TROVA IL SALONE PIU' VICINO A CASA TUA

Geolocalizza la tua posizione

e visualizza i parrucchieri Jean Louis David vicino a casa tua

o

Il brushing Seventies con ciuffo cotonato
Il brushing Seventies con ciuffo cotonato
Il brushing Seventies con ciuffo cotonato
Pettinatura

Il brushing Seventies con ciuffo cotonato

Condividi
Il brushing Seventies di Farrah Fawcett non è mai stato così di tendenza. Non ha mai smesso di essere imitato ed è ancora il tuo preferito dopo tutti questi anni! Facile da realizzare, ti dà un piccolo tocco retrò molto seducente. Soprattutto se poi aggiungi il tuo tocco personale…
 
Per chi? Il brushing anni ’70 non ha nulla da invidiare alle onde degli anni ‘20 o ai capelli frisé degli anni ‘90 ! Lo si adotta per un taglio retrò, ma resta molto attuale. Il brushing Seventies è adatto in particolare ai capelli lunghi, ma può affascinare anche su capelli di media lunghezza. In ogni caso è bene che il taglio sia scalato. L’ideale è avere una chioma folta per un brushing voluminoso, ma potrai ugualmente ottenere un buon risultato utilizzando una mousse per lo styling..
 
Realizzare un brushing anni ‘70. Quando esci dalla doccia, districa perfettamente i capelli con l’aiuto di un pettine, poi applica un trattamento termo-protettore prima di asciugarli. Per il massimo del volume asciuga la chioma a testa in giù per scollare bene le radici.  Usa quindi una spazzola con diametro largo e poi lavora le lunghezze verso l’esterno. Alla fine del brushing usa l’aria fredda del phon per fissare l’acconciatura.
 
Realizzare un ciuffo cotonato. Per aggiungere stile al tuo brushing anni Settanta adotta il ciuffo cotonato. Prendi una larga ciocca sul davanti e cotonala nella parte interna per rendere invisibile la cotonatura. Poi con una spazzola piatta riporta i capelli all’indietro con delicatezza per non disfare la cotonatura. Fissa il tutto all’interno della chioma con forcine ondulate o forcine da chignon.
 
© Pixelformula / Sfilata Issa London prêt-à-porter, Autounno-Inverno 2012 © Jean Louis David
Da sapere di più: